Adventure in sicurezza: ecco come e quando farlo con Tracer 9 GT

Sicuramente, soprattutto nel periodo estivo, è tanta la voglia di voler tirare a lucido la nostra due ruote e portarla sempre più lontano rispetto alla precedente gita fuori porta. Vediamo insieme come e quando farlo insieme a questa Tracer9 GT, perfetto esempio di avventura in chiave moderna.

Il focus

Sono tante e differenti le particolarità che, già ad una prima bozza di viaggio sarebbe bene considerare avere con se: oggi vogliamo portarvi a soffermarvi su alcune di queste, quelle che insieme a Yamaha Tracer 9 vi raccomandiamo fortemente di avere con voi prima di partire per il lungo viaggio. Sicuramente, al primo posto di questo elenco, crediamo non si possa parlare di sicurezza senza un impianto di illuminazione degno del mezzo con cui andremo a percorrere tornanti e dritti. In casa Yamaha, in questo modello nello specifico, ci sentiamo di elogiare ed apprezzare il lavoro fatto. Un giusto posizionamento dei gruppi ottici insieme alla tecnologia full led, rende il risultato sicuramente funzionale alla guida, armonizzando lineee ed incassi senza andare a stravolgerne l’anteriore. L’ illuminazione è divisa su due livelli distinti per un totale di 4 bulbi di cui, gli ultimi due in basso, si occupano alternandosi per la funzione anabbagliante o abbagliante. Secondo punto fondamentale per le nostre gite e purtroppo per le nostre strada, è l’impianto sospensioni. In questo caso, Tracer9 GT, a differenza della versione base, fornisce steli rovesciati Kayaba all’anteriore e Ohlins al posteriore, entrambi ovviamente interamente regolabili. Un ulteriore aspetto altrettanto importante è la varietà e quantità di accessori che alleggeriscono e rendono più pratico l’utilizzo di dispositivi esterni in moto. Infatti, dietro il doppio quadro strumenti tft, troviamo una pratica presa a 12v dove poter collegare un navigatore così come il nostro smartphone. Anche in questo modello, come tanti altri, accessorio fondamentale è la capacità di bordo: in Yamaha hanno voluto con questo modello permettere, attraverso ganci e serrature, un facile e pratico sistema di ancoraggio per borse laterali oltre che, a discrezione di ogni cliente, il fissaggio della terza dietro il passeggero (quest’ultima in due differenti dimensioni per duplice capacità di stiva). In ultimo punto ma non per importanza, crediamo che di questi tempi sia fondamentale valutare quanta e come l’elettronica di bordo accompagna l’utilizzo del nostro mezzo. Sicuramente in questo caso, siamo al top di quello che si può trovare sul mercato: abs, controllo di trazione, anti sbandamento ed impennata insieme a quattro mappature differenti, rendono possibile e super sicuro qualunque tipologia di utilizzo del nostro mezzo indifferente dalle condizioni meteorologiche e del manto stradale. Noi non possiamo far altro che promuovere a pieni voti Tracer9 GT, invitandovi ad approfondirne le sue qualità e peculiarità!

Altri articoli
Mycar e DR: due storie italiane