Kia EV6 è la vincitrice del Car of The Year 2022

Come ogni anno da Ginevra si è tenuto il Car of The Year, giunto all’edizione 2022: quest’anno 6 su 7 le elettriche, con vincitrice la coreana Kia EV6.

Il premio

Il Car of The Year è un ambito premio per la migliore auto presentata nell’anno appena trascorso, dato dalle più rilevanti ed indipendenti testate automotive europee. Nato nel 1964 con la proclamazione della Rover 2000 come auto dell’anno, è giunto sino ad oggi, con l’ultima edizione del 2021 che ha visto vincitrice la Toyota Yaris. Molte le novità per il “COTY 2022”: i membri femminili della giuria raggiungono quota 10%, non molto ma comunque, fortunatamente in aumento; il 2023 rappresenterà il ritorno alla premiazione “dal vivo” del Car of The Year, con la proclamazione che avverrà fisicamente al Salone di Ginevra – quest’anno è avvenuta in diretta streaming dalla città; soprattutto, su 7 finaliste, ben 6 sono state le auto 100% elettriche candidate, con la settima, Peugeot 308, che vanta in gamma una variante plug-in hybrid. Una finale con 7 auto tutte capaci di percorrere le strade europee in modalità 100% elettrica, quindi: una classifica figlia dei tempi. Ma scopriamo le 7 finaliste del Car of The Year.

Cupra Born

La Cupra Born è una 5 porte 100% elettrica basata sulla VW ID.3: la piattaforma modulare MEB è la stessa ed anche le proporzioni, con una lunghezza di 4.32m. Il motore e la trazione sono posteriori, con 204 CV alimentati da un pacco batterie da 62 kWh nominali e 58 effettivi, per circa 430 km di autonomia. Poco più di 6 ore la ricarica a 11 kW, poco più di mezz’ora a corrente continua per passare dal 5 all’80%. I prezzi partono da €38.900.

Skoda Enyaq

Restiamo nel gruppo Volkswagen, restiamo su una 100% elettrica. La piattaforma è sempre la modulare MEB, che permette al gruppo di costruire sia compatte come la iD.3 e la Born, sia SUV dalle dimensioni molto importanti come la Enyaq e la ID.4. Le dimensioni di questa Skoda sono infatti di 4.65m di lunghezza, 1.88m di larghezza ed 1.62m di altezza. Nonostante ciò l’auto gestisce benissimo gli ingombri a livello di manovrabilità, ne siamo rimasti piacevolmente sorpresi nel nostro test a Bari. 50, 60 ed 80 sono i kWh dei pacchi batterie, seguendo i nomi delle tre versioni: rispettivamente 150 CV e 340 km di autonomia, 180 CV e 390 km di autonomia, e 204 CV e 510 km di autonomia. I prezzi per la Enyaq partono da €35.490.

Peugeot 308

Sicuramente tra i debutti più interessanti del 2021, la 308 è sempre stata un fiore all’occhiello per Peugeot, alto quindi era il rischio di sbagliare con la nuova generazione, ma c’è da dire che la casa del leone non ha deluso le alte aspettative, anzi l’auto è sorprendente da tanti punti di vista: l’estetica è decisamente accattivante, la suite tecnologica per sicurezza ed intrattenimento è completa, e c’è tanta scelta di motorizzazioni. 1.2 benzina da 110 e 130 CV, 1.5 diesel da 130 CV e persino plug-in hybrid da 180 o 225 CV. La 308 parte da €23.750, e sale a €24.750 per la variante SW: lunga 4,64 m invece dei 4,37m della hatchback.

Ford Mustang Mach-E

Per molti sarà un’eresia, però nei commenti della nostra video-recensione non ci avete insultati troppo, quindi continuiamo su quella lunghezza d’onda: la Ford Mustang Mach-E, SUV 100% elettrico dell’ovale blu, è un’auto molto valida. Dietro il nome si cela un’evidente campagna di marketing, sfruttando il nome sacro Mustang, appunto, unito al prefisso Mach delle performanti pony car degli anni ’70, seguito però dalla lettera E per “elettrico”. Non sdegnatevi, i remake sono all’ordine del giorno quindi lei non è la prima né l’ultima a prendere in prestito il nome da qualche vecchia gloria. Ciò che possiamo dirvi è che dinamicamente e prestazionalmente è più un’auto sportiva che un SUV, ed ha una bella scelta di motori: 270 CV e 440 km di autonomia, 295 CV e 610 km, 350 CV e 540 km, e 487 CV con 500 km di autonomia. Se vi siete chiesti perché la potenza aumenta quando l’autonomia inizia a calare, è perché all’aumentare dei kW dei motori elettrici i pacchi batterie restano i medesimi, da 70 o 88 kWh. I prezzi partono da €51.900.

Hyundai Ioniq 5

Se la piattaforma e gran parte delle tecnologie rendono Kia EV6 e Hyundai Ioniq 5 gemelle, quest’ultima, anche lei candidata al Car of the Year 2022 è diversissima esteticamente: meno filante ma molto più imponente, con linee nette e sapienti giochi LED per la fanaleria. Non fa quindi nulla per provare a nascondere le sue importanti dimensioni di 4.64 m di lunghezza, 1.89 m di larghezza e 1.65 m di altezza. Diverse sono anche la capacità delle batterie e le motorizzazioni: la base monta 58 kWh di batterie che garantiscono 385 km di autonomia spinti da un motore elettrico da 170 CV; si sale poi a batterie da 72 kWh per le altre due versioni, da 218 e 305 CV, che percorrono rispettivamente 480 e 430 km con una sola carica. Il prezzo di partenza per la Ioniq 5 è di €44.750.

Renault Megane E-Tech Electric

La penultima auto candidata ad essere Auto dell’Anno 2022 è anche lei un’icona, ma non americana e storica come la Mustang, bensì più contemporanea ed europea: è la Renault Megane che nel 2021, durante la sua presentazione al Salone di Monaco, si fa 100% elettrica ed abbandona la configurazione da berlina in favore del segmento dei crossover. Ora infatti il suo nome completo è Megane E-Tech Electric. Lunga 4.20 m, con cerchi da 18” a 20” ed un’estetica che riesce sapientemente a dosare linee imponenti con l’aerodinamica e la sinuosità che serve ad un’auto elettrica. Dentro la tecnologia è garantita da una bella collaborazione tra Renault e Google, mentre “sotto” c’è scelta per due configurazioni di batteria: 40 kWh che alimentano un motore elettrico da 130 CV, oppure 60 kWh abbinati ad un elettrico da 220 CV. I prezzi per la nuova e silenziosa Megane partono da €37.100.

Kia EV6

Un’altra elettrica, un altro SUV, il pattern del Car of the Year di quest’anno è abbastanza evidente: la vincitrice dell’Auto dell’Anno 2022, con ben 279 punti, è infatti la Kia EV6. Noi abbiamo testato anche lei, e se il look molto accattivante e personale del brand può essere polarizzante, l’auto è sicuramente tra le più valide degli ultimi tempi, a riconferma del valore di un marchio come Kia che cresce di anno in anno. La EV6 è spaziosissima e molto divertente da guidare, oltre che ovviamente molto tecnologica, essendo una full electric. Tra le chicche vi segnaliamo la funzionalità V2L, che permette non solo di caricare la Kia ad una colonnina, ma anche di caricare un’altra auto o un elettrodomestico sfruttando parte dell’energia immagazzinata nel suo pacco batterie: così è l’auto a caricare qualcosa e non viceversa. Trazione posteriore da 230 CV e 530 km di autonomia, o integrale da 325 CV e 500 km di autonomia, o 585 CV e 400 km di autonomia: anche qui al salire dei kW scendono i km, visto che il pacco batterie è unico, da 77 kWh. L’ultima volta che Kia prese parte al Car of The Year fu nel 2019, quando si aggiudicò il terzo posto del podio con la Ceed. I prezzi per la vincitrice di quest’anno, la EV6, partono da €49.500.

Altri articoli
Volkswagen Nivus: dal Brasile la T-Cross fatta “coupe”