Cupra Formentor VZ: come va versione da 310 cavalli?

Dal 2018 Cupra è diventato un brand autonomo: la casa prende il nome dalla divisione sportiva e “pistaiola” di Seat, Cup Racing – da qui Cupra. Come con la “madre” catalana, anche il marchio neonato prende il nome dei suoi modelli in prestito da luoghi iconici della penisola iberica, nel caso della nostra ultima prova: Formentor, come il Capo nelle Baleari, a Mallorca. Protagonista di questo test drive è infatti la Cupra Formentor VZ.

Gli esterni

La Cupra Formentor è caratterizzata da un design aggressivo, a tratti del tutto inedito per la casa. Il frontale sicuramente incute timore in chi se la ritrova nello specchietto, non è da tutti i SUV riuscirci. Ha un muso affilato con fanaleria full LED ed una particolare firma luminosa per le luci diurne e gli indicatori che punta al centro della griglia esagonale a forma di diamante, al cui centro campeggia il logo Cupra incastonato in elementi 3D in nero lucido che ricordano, nella forma, la sigla VZ del modello. I dettagli aerodinamici del frontale comprendono anche delle profonde nervature sul cofano e le prese d’aria nella parte bassa del paraurti. Nella vista laterale ed in quella posteriore sono evidenti le linee inedite del design di questa Formentor: una carrozzeria affilata ma allo stesso tempo imponente, con un cofano motore lungo ed un tetto spiovente verso il posteriore che termina a sbalzo. Interessante è la spalla della vettura molto pronunciata, che incattivisce la fiancata insieme ai cerchi in lega da 19” bicolore. Tutto ciò contribuisce a rendere la Formentor esteticamente dinamica e quasi compatta, nonostante i suoi 4 metri e 45 di lunghezza per 1.84 m di larghezza ed 1.51 m di altezza. La vista posteriore è quella più esteticamente innovativa, con il più importante elemento: l’illuminazione LED “coast to coast” con indicatori dinamici è decisamente scenografica, soprattutto in notturna. Il portellone cela un baule da 420 litri nella variante a trazione integrale, che salgono a 450 per le trazione anteriore. In basso invece, prerogativa sportiva, i 4 “cannoncini” dell’impianto di scarico.

Gli interni

Internamente la Formentor, il primo prodotto 100% Cupra, si distingue nettamente dall’altra vettura a ruote alte della casa spagnola, la Ateca: da questo punto di vista si avvicina di molto alla Leon 2021. Il volante è generoso, con impugnatura in pelle e cuciture ed il fondo piatto è davvero piacevole da manovrare: sono stupendi i richiami in color rame che si ritrovano tutt’intorno alla vettura, e anche i pulsanti per lo start button ed i driving mode sono accattivanti. Il secondo sulla sinistra ha il logo Cupra, e ad ogni pressione permette di accedere ad una delle 5 modalità di guida. Forse avremmo preferito meno pulsanti sui raggi del volante, ma c’è da dire che sono praticamente gli unici nell’abitacolo: il controllo di luci esterne, clima automatico bi-zona ed intrattenimento è totalmente a sfioramento, anche le luci d’ambiente lo sono. Le uniche eccezioni sono il selettore del cambio automatico, l’e-brake, l’hazard, l’auto start stop ed il disinserimento dell’ESC per divertirsi a dovere. I sedili in misto tessuto e similpelle sono incredibilmente avvolgenti, si può posizionare elettricamente la seduta di guida in basso per un’esperienza, devo dire, più coinvolgente, e sono anche morbidi. I materiali dei pannelli porta sono purtroppo in plastica rigida nelle parti alta e bassa, ma la parte centrale e, sulla plancia, quella superiore sono più morbide e piacevoli. A proposito di plancia, le cornici del clima insieme a quelle interne del volante riprendono il rame di Cupra, e i passeggeri anteriori sono letteralmente abbracciati da una linea led che può essere personalizzata nelle tonalità e che ha una funzionalità utilissima: sugli specchietti c’è il sensore dell’angolo cieco, ma il led della plancia, all’altezza dei pannelli porta, aumenta d’intensità quando sopraggiunge un veicolo e accompagna quindi il sistema BLIS, inoltre si illumina di rosso quando l’auto è ferma ma vengono aperte le portiere, per segnalare a chi scende di stare attento ad eventuali veicoli in arrivo. La seduta come detto è molto comoda ma anche contenitiva, e la visibilità per essere un SUV sportivo non è male: i montanti sono un po’ spessi ma va detto, specchietto e display dell’infotainment non tolgono molto spazio. Forse il cofano lungo ed imponente, da vera sportiva, non ne rende le manovre intuitive ma in soccorso arrivano i sensori e la disponibilità della telecamera a volo d’uccello. Chi siede sul divanetto posteriore gode di tantissimo spazio per testa e gambe, con un piccolo scalino di accesso che non dà troppi problemi e dei sedili morbidissimi. A disposizione ci sono il controllo del clima posteriore e due prese USB-C, peccato per i bellissimi sedili sportivi anteriori che tolgono molta visibilità a chi siede dietro, e lo scalino di accesso molto pronunciato, causa trazione integrale.

La tecnologia di bordo

La tecnologia ha un ruolo quasi centrale nell’abitacolo della Formentor: guidatore e passeggero godono della presenza di due grandi display di serie da 10” per infotainment e Cupra Virtual Cockpit. La protagonista del nostro test monta l’infotainment da 12” della navigazione VZ, di serie sulla 310 CV ma optional per altre versioni. Il display dà accesso ad infinite configurazioni, con i classici sistemi di connettività, media e navigatore, ma anche con la personalizzazione dell’illuminazione d’ambiente. Da qui sono anche controllabili gli ADAS come il mantenimento di corsia, il cruise control adattivo, la frenata d’emergenza con rilevamento di pedoni, i sistemi di avvertimento dell’angolo cieco, oltre a 7 airbag e rilevamento della stanchezza. La tecnologia di bordo comprende 4 prese usb c, la ricarica wireless e la connettività wireless. Inoltre possono essere scelti 5 diversi Drive Profiles: Comfort, Offroad, Individual, Sport e Cupra, la nostra preferita. Certo, in Cupra è un po’ difficile raggiungere gli 8,5 litri/100 km nel ciclo combinato WLTP come dichiara la casa, però abbiamo cercato di…trattenerci, e siamo riusciti di media a fare i 9 litri. Il produttore dichiara inoltre 194 g/co2 per km. Però questa è una Cupra e, per una volta, il piede d’oro l’abbiamo deliberatamente lasciato a casa!

La dinamica di guida

VZ è l’abbreviativo di Veloz, quindi…quanto è veloce questa Formentor? La versione provata monta il 2.0 4 cilindri da ben 310 CV per un peso di 1570 kg. Una velocità massima di 250 km/h ed una coppia massima di 400 NM a 2000 giri, su un benzina un dato davvero niente male. L’auto ha un’accelerazione dichiarata di 4,9 s per coprire lo 0-100, non l’abbiamo cronometrata però possiamo assicurarvi che è sicuramente coinvolgente. Per testare tutto ciò è stato utilizzato il profilo di guida in Cupra, con taratura denominata per l’appunto…Cupra, di motore, sospensioni ed altri parametri. Chiaramente contribuisce molto il sound amplificato all’interno della vettura, un escamotage che, piaccia o non piaccia, trasporta davvero in una dimensione sportiva, ed in questo la trazione 4Drive è complice: in curva si sente un po’ l’altezza da terra in termini di rollio, è pur sempre un SUV, ma credeteci, non perde minimamente in stabilità. Su una strada chiusa al traffico abbiamo provato in tutti i modi, pregando in 15 lingue diverse ma niente, non ce ne vergogniamo a dirvelo, la missione di intraversarla è semplicemente fallita. Lo sterzo è abbastanza preciso ma si sente che, insieme alle sospensioni che assorbono bene le buche ed il cambio DSG doppia frizione a 7 rapporti, faccia parte di un “pacchetto” tarato più per il comfort che per il divertimento. Sicuramente un must di questa Formentor è l’impianto frenante Brembo: dischi forati ventilati da 375 mm all’anteriore con pinze a 4 pistoncini, lavorano in maniera semplicemente eccezionale, un optional da € 2.250 che restituisce tutto in termini di sicurezza. A proposito di prezzi, la gamma di Cupra Formentor è ricchissima per un modello di debutto come questo: si parte da €31.250 per la versione base, con un 1.5 benzina da 150 CV e cambio manuale 6 marce, che salgono a €32.850 per il DSG 7 rapporti; il 2.0 benzina è offerto in tre configurazioni, 190 CV con DSG da €36.050, 245 CV con DSG da €42.100 e la protagonista del test, 310 CV e trazione integrale, da €46.250; le varianti ibrido plug-in chiamate e-Hybrid sono due, 1.4 benzina da 204 CV con DSG a 6 rapporti da €37.700 e la VZ da 245 CV a partire da €45.050. In arrivo anche la VZ5 da 390 CV benzina, mentre il 2.0 gasolio da 150 CV è offerto in variante manuale 6 marce da €33.100 o DSG 7 rapporti da €37.000.

Ultima ma non per importanza, la nostra valutazione conclusiva su questa Cupra Formentor VZ: ecco infatti i We Drive Points. La vettura guadagna 4/5 punti in merito alla motorizzazione e le sue prestazioni, così come 4/5 ne guadagna per la grande sicurezza passiva ed attiva; la cura ed il design degli interni le fanno guadagnare, nuovamente, 4/5 punti; comune a tutti i crossover è la leggermente pregiudicata praticità quotidiana che le fa raggiungere 3/5 punti, ed infine la tecnologia di bordo è quasi perfetta, tanto da donarle 4/5 punti per un totale di 19 punti su 25.

Altri articoli
Skoda Kamiq: test e consumi reali della G-TEC a Metano