Nuova Citroen C3: il restyling del 2020

La Citroen C3, la più venduta del brand, è stata sottoposta a piccoli interventi, all’alba dei quattro anni sul mercato.

Gli esterni

I cambiamenti più evidenti di questo facelift sono principalmente nel frontale: la C3 vanta infatti una nuova firma cromata nata con l’avveniristico Concept CXPERIENCE e una rivisitazione dei gruppi ottici LED di serie su tutte le versioni. Le novità non si limitano però solo all’anteriore: spazio per la nuova forma delle protezioni Airbump laterali, cerchi da 16” e 17” con design inediti e nuove personalizzazioni per il tetto. Personalizzazioni che si estendono a tutta la carrozzeria, con nuove sfumature di rosso (Elixir Red) e blu (Spring Blue), e ben 97 combinazioni di colore, quasi triplicate rispetto al M.Y. 2016 diventato celebre per la sua personalità. Ciò che non cambia sono le dimensioni: la Citroen C3 è ancora lunga 3,99 m, larga 1,75 m e alta 1,47 m.

Gli interni

La nuova C3 presenta delle novità anche nell’abitacolo, per quanto riguarda comfort e tecnologia. Dal punto di vista della comodità, Citroen porta sulla cittadina i nuovi sedili Advanced Comfort, con uno spessore soffice cresciuto da 2 mm a 1,5 cm. Le dotazioni elettroniche, sempre più importanti nelle automobili del 2020, sono arricchite dalla connettività di Android Auto ed Apple CarPlay, ma anche dalle decine di ADAS disponibili: rilevamento della stanchezza del guidatore, frenata automatica d’emergenza, avviso di superamento della linea di carreggiata e retrocamera, ora affiancata dai sensori di parcheggio anteriori. L’ambiente interno è personalizzabile in quanto a combinazioni di colore e atmosfera: la scelta comprende il dinamico Emeraude o l’elegante Techwood, con superfici a effetto legno. Menzione necessaria per il bagagliaio dalla capacità di carico invariata di 300 litri.

Parliamo di numeri

Sin dal debutto nel 2002, la C3 ha rappresentato un segmento importante nelle vendite di Citroen: ben 4,5 milioni di esemplari venduti, 750.000 dei quali nella 3° generazione del 2016. Per questo motivo il brand ha voluto incoraggiare ulteriormente le vendite di un modello di successo come questo con un restyling di metà carriera. Le motorizzazioni che potremo provare da metà 2020, quando l’auto arriverà ufficialmente sul mercato, sono solo diesel e benzina: rispettivamente un gasolio BlueHDi da 100 CV abbinato ad un cambio manuale 5 rapporti, e due benzina PureTech da 83 e 110 CV, quest’ultimo configurabile con cambio manuale 6 rapporti o automatico EAT6. E l’elettrificazione? Per ora solo supposizioni, rumours sulla prossima generazione della sorella maggiore C4 “elettrica” che, si spera, prima o poi verrà affiancata dalla compatta francese.

Altri articoli
Electric Brands X-BUS: un peso piuma ad impatto zero