Maserati Grecale 2022: è arrivata l’anti Macan?

Con una presentazione decisamente coinvolgente ed accattivante, oggi in Piazza Gae Aulenti a Milano è stato svelato il nuovo SUV del Tridente. Al lancio motorizzazioni mild hybrid, tanta tecnologia di bordo ed un’estetica elegantemente sportiva.

Con la piattaforma “Giorgio” ereditata dalla cugina Alfa Romeo Stelvio, la Maserati Grecale rientra nei SUV di segmento D, con una lunghezza di 4,84 metri ed un passo di 2,90 metri, una larghezza di 2,16 metri ed un’altezza di 1,67 metri. Al lancio tre versioni: la GT, alimentata da un 2.0 quattro cilindri mild hybrid in grado di erogare 300 CV; la Modena, con lo stesso motore mild hybrid che eroga però 330 CV; infine la potente Trofeo, equipaggiata con un 3.0 V6 benzina da 530 CV ad alte prestazioni, basato sul motore Nettuno montato sull’MC20. L’accelerazione della Trofeo nello 0-100 km/h sarà coperta in soli 3,8 secondi, con una velocità massima di 285 km/h e la qualità del suono curata dal produttore musicale Dardust. Il cambio su tutte le Grecale è un automatico a doppia frizione ZF ad 8 rapporti, accompagnato dal selettore delle cinque modalità di guida: Comfort, GT, Sport, Off-Road e, esclusivamente su Trofeo, Corsa. Tutte le versioni avranno trazione integrale permanente, differenti tipologie di sospensioni oltre che, solo per la Trofeo, un sistema che permetterà la disattivazione di tre dei cilindri per contenere i consumi del propulsore.

Esternamente Maserati Grecale rispecchia le linee e le forme del nuovo corso stilistico della casa modenese, riformulando un’estetica filante e slanciata come quella presente in MC20, ma dalle forme rialzate e più muscolose: scelte imprescindibili per un SUV come questo dalle importanti dimensioni. Il frontale mostra una calandra bassa e imponente, tutto il profilo si distingue per il contrasto tra una porzione filante dei finestrini in contrapposizione alle curve della bassa carrozzeria, in cui annegano imponenti cerchi in lega da vari e ricercati disegni. In più punti del modello, impossibile non notare l’uso della fibra di carbonio. Al posteriore, i fanali posteriori a boomerang si ispirano alla 3200 GT di Giugiaro e si inseriscono nella linea trapezoidale, il tutto per donare alla Grecale un vero effetto esterno da coupé. Internamente la tecnologia trova una sua formula, bilanciando la tradizionale cura e qualità costruttiva del gruppo con un ampio uso di materiali pregiati quali legno, fibra di carbonio e pelle. Le caratteristiche interne di spicco includono il tradizionale quadrante Maserati, per la prima volta digitale. La plancia presenta una forma a T che va a riprendere le linee dei modelli anni ’70 del marchio con un doppio display al centro: il grande schermo centrale da 12,3”, il più grande mai visto su una Maserati, sarà quello per la gestione ed i parametri più classici dell’infotaiment, il secondo display da 8,8” gestirà invece comandi esterni quali climatizzazione, gestione della posizione dei sedili ed altro. L’esperienza sarà gestita dal sistema multimediale Maserati Intelligent Assistant (MIA), l’intelligenza artificiale di Maserati Connect. Il sistema audio, anche per questo modello sviluppato da Sonus Faber, include alternativamente 14 altoparlanti, o 21 su richiesta in allestimento High Premium.

Al lancio, la Grecale è disponibile anche nella PrimaSerie Launch Edition, un’edizione limitata con contenuti esclusivi. La Grecale vedrà a seguire un ulteriore versione 100% elettrica con tecnologia 400V, dal nome Grecale Folgore. Il modello, disponibile in diverse colorazioni di lancio in base all’allestimento scelto, offre così un giusto equilibrio tra versatilità, eleganza, prestazioni ed innovazione, assicurando sempre comfort e sicurezza, anche sulle strade non asfaltate. I prezzi di Maserati Grecale partiranno da circa €70.000 per le versioni GT e Modena, salendo a circa €100.000 per la Trofeo. A fine 2022 sarà disponibile anche la versione full elettric.

Altri articoli
Renault Megane E-Tech: la berlina diventa crossover elettrico