Porsche Macan 2021: tutti i dettagli del restyling toccati con mano

Che il Macan sia un best seller del brand è quasi scontato: passato lo shock di vedere una Porsche a ruote alte al debutto del Cayenne, la clientela – vecchia e nuova – sembra essersi abituata all’idea di un SUV di Stoccarda. Alla vigilia di un’epoca elettrificata del modello, la generazione uscente non poteva… uscire, per l’appunto, senza un bel refresh.

Gli esterni

Quello del Macan 2021 è il 2° restyling di carriera, ed in attesa della versione elettrica del modello Porsche ha messo in campo una rinfrescata di design, senza cambiarne le proporzioni né gli stilemi, adattando semplicemente il SUV a quello che è l’attuale ed elegante corso stilistico della casa. A livello estetico sono degni di nota il muso rivisto grazie ad un baffo inferiore verniciato nel colore della carrozzeria, che enfatizza la larghezza di 1,93 metri del Macan; tale baffo diventa nero e giustamente cattivo su Macan GTS. Anche sugli altri assi dimensionali non è stato toccato: la lunghezza si ferma ancora a 4,73 metri e l’altezza ad 1,62 metri, nonostante posteriormente l’auto appaia più piantata a terra grazie al nuovo, grande diffusore tridimensionale che richiama altri dettagli come le protezioni laterali per gli sportelli. Ora su Macan sono di serie, su tutte le versioni, i LED dinamici e gli specchietti Sport Design. Altre novità riguardano inoltre nuove delle 14 colorazioni come il Papaya Metallic, il Blu Genziana metallizzato ed il Python Green pensato specificamente per il GTS, oltre alle colorazioni Individual e Paint-To-Sample. Se il baule rimane identico in funzionalità e dimensioni – da 458 litri cresce fino a 1.503 abbattendo il divanetto posteriore – sono sette i nuovi design dedicati ai cerchi, che partono da 19” di diametro per Macan, da 20” per Macan S e da 21” per Macan GTS.

Gli interni

Anche dentro il SUV medio di Porsche non è stato stravolto: la console centrale è ora rifinita in nero lucido, preannunciando molte impronte e polvere sulle stupende funzionalità a sfioramento con feedback aptico; il volante è sportivo ed ovviamente ripreso dall’iconica 911 generazione 992;  tornando a posare lo sguardo sul tunnel centrale si nota invece un selettore del cambio PDK più corto, oltre che l’orologio analogico montato al centro della plancia di serie su tutti i Macan. Come su ogni Porsche c’è larga possibilità di scelta per materiali e rivestimenti interni di massima qualità, come ad esempio pelle o Alcantara e personalizzazioni in Blu Genziana o Papaya per le cuciture a contrasto della tappezzeria. Parlando di tech ed infotelematica, infine, il largo display con una diagonale da 10.9” mantiene tutta la cura e la fluidità di controllo del sistema Porsche Communication Management, accompagnato da connettività, parametri del veicolo e comandi vocali.

Parliamo di numeri

Inevitabile trattare delle performance del nuovo Porsche Macan, forse il capitolo più interessante di ogni auto che esce da Zuffenhausen. L’assetto è stato tarato in funzione di una maggiore reattività e sensibilità alle condizioni del manto stradale, con il Porsche Active Suspension Management riadattato e offerto di serie su Macan S e GTS. È il caso quindi di parlare delle motorizzazioni in dotazione sulle tre versioni in vendita. Macan monta un 2.0 4 cilindri da 265 CV, segnando un +20 CV a banco, che eroga 400 NM di coppia e segna uno 0-100 in 6,2 secondi, con una velocità di punta di 232 km orari. Macan S guadagna 26 CV, arrivando a 380 con il 2.9 V6 biturbo che la spinge fino a 100 km orari da 0 in soli 4,6 secondi, con velocità massima di 259 km/h. Infine la perla della gamma è ovviamente rappresentata dalla versione GTS: stesso motore della S ma con un incremento rispetto al Model Year uscente di ben 60 CV, 440 ora, un’accelerazione da 0 a 100 km/h in 4,3 secondi con il pacchetto Sport Chrono – senza la compie in 4,5 secondi, che lentezza… – e la lancetta del tachimetro che si ferma a 272 km orari. Macan GTS 2021 è stato ribassato di 10 cm rispetto alle altre versioni, con un incremento della rigidità delle sospensioni pneumatiche del 10% all’anteriore e del 15% al posteriore, il tutto “condito” da optional come i cerchi GT da 21” ed il sistema di gestione della coppia Porsche Torque Vectoring Plus. Tutti i Macan montano il fulmineo cambio automatico a doppia frizione PDK a 7 rapporti ed il Porsche Traction Management che gestisce la trazione sulle quattro ruote motrici. I prezzi infine: si parte da circa €66.000 per Macan, da €75.000 circa per Macan S e da circa €92.000 per Macan GTS.

Altri articoli
Abarth 595 Competizione: non una semplice Fiat