Moto Guzzi V100 Mandello: la Guzzi che verrà ad EICMA 2021

EICMA 2021 si allinea ai Saloni del resto del mondo a due e quattro ruote, puntando molto sull’innovazione, e tutto sulla passione. Proprio queste due parole, innovazione e passione sembrano poter riassumere alla perfezione il concetto dietro la Moto Guzzi che verrà: la V100 Mandello.

Il design

Il reparto design di Moto Guzzi sembra aver ribaltato e rivisitato in chiave moderna il design semplicemente evergreen della casa: un frontale particolarissimo che mette in evidenza la firma luminosa LED anteriore, che rinnova la forma ad aquila classica del brand. Il tre quarti anteriore appare rastremato, dotato di una linea accattivante valorizzata dalle tonalità rossa e verde degli esemplari esposti ad EICMA 2021. La linea laterale sembra riprendere un’estetica monoblocco, con un design che dal musetto al codino appare come un’unica grande onda, interrotta da pochi dettagli come la firma V100 Mandello, in oro, nella parte finale della fiancata. La sella, in configurazione due posti 1+1, è stata saggiamente raccordata al centro del serbatoio. Al posteriore infine un doppio faro tondo a LED, classicone di Moto Guzzi già ampiamente apprezzato su altri modelli come ad esempio V85TT.

Il focus

Purtroppo ancora poche e non del tutto ufficiali le informazioni e la scheda tecnica della Moto Guzzi V100 Mandello. Quasi sicuramente possiamo sbilanciarci in favore di un’ipotesi che vede questa Guzzi dotata del V2 di 90° da 1000 cc di cilindrata. Circa 100 CV di potenza, tutti sprigionati sulla gommona posteriore Rosso IV 190/55 ZR17. La trasmissione è cardanica, la sospensione posteriore consiste in un forcellone monobraccio, mentre degna di nota la presenza del doppio disco Brembo anteriore. Una moto che sembra quasi essere un “Ritorno al futuro”, passateci la citazione cinematografica: un grandissimo esercizio di stile per Moto Guzzi che porta ad EICMA, in un unico modello sia il suo passato che il suo futuro. Tutto condito da una strumentazione TFT a colori ricchissima di informazioni e controlli, oltre che un immancabile scarico corto che ne accentua l’indole sportiva.

Altri articoli
BMW M3 Touring: non più solo un miraggio