Bollo auto ibride ed elettriche: ecco come si calcola

Le auto ibride ed elettriche sono sempre più vendute sul mercato italiano: ma quanto si paga di bollo in ogni regione? Ed il superbollo? Scoprilo in questo articolo.

Quanto costa il bollo sulle ibride

È importante ricordare come la tassa automobilistica, conosciuta come bollo auto, venga calcolata in base ai kW del motore di un’auto immatricolata in Italia e sulla classe ambientale Euro della stessa. Il calcolo per le auto ibride è lo stesso, però tenendo in considerazione unicamente i kW erogati dal motore termico: che siano full o plug-in hybrid, i kW dei motori elettrici che lavorano in combinato con i propulsori benzina o diesel delle auto ibride non vengono computati. Un esempio può aiutare a chiarire il concetto: se possiedo una Jeep Compass 4xe da 190 CV, il calcolo del bollo per il mio SUV plug-in hybrid terrà conto solo dei 95 kW del motore termico, escludendo quindi i 77 kW dei due motori elettrici. Sono però numerose le regioni italiane che rendono le ibride – e le bifuel, metano o GPL, per intenderci – esenti dal bollo per lunghi periodi di tempo dall’immatricolazione. In Abruzzo l’esenzione dura tre anni; in Basilicata per cinque anni ma unicamente le bifuel, le ibride pagano regolarmente; tre anni di esenzione per ibride, ad idrogeno e bifuel nella Provincia autonoma di Bolzano; tre anni di esenzione per le auto ibride e ad idrogeno in Campania; sempre tre anni per le ibride in Emilia-Romagna e Lazio; bollo ridotto al 50% per i primi cinque anni in Lombardia; sei anni di esenzione sulle auto ibride e ad idrogeno nelle Marche; due anni per ibride e bifuel in Molise; il Piemonte prevede un’esenzione di cinque anni, purché il motore termico dell’auto ibrida considerata non eroghi più di 100 kW; sempre cinque anni di esenzione per ibride ma anche per le bifuel monovalenti in Puglia; ibride e ad idrogeno non pagano il bollo in Sicilia per tre anni; in Toscana non è prevista alcuna esenzione per le ibride, ma una riduzione del 75% del bollo per le bifuel rispetto alle equivalenti versioni a benzina o gasolio; in Trentino Alto Adige tre anni di esenzione per ibride, bifuel ed idrogeno; cinque anni di esenzione in Valle d’Aosta per le ibride; tre anni di esenzione in Veneto per ibride e ad idrogeno. Le poche restanti regioni, ossia Calabria, Friuli Venezia Giulia, Sardegna ed Umbria non prevedono esenzioni per alcun tipo delle alimentazioni appena considerate.

Quanto costa il bollo sulle elettriche

Leggermente diverso il calcolo del bollo auto per le 100% elettriche, vista la mancanza di un motore termico con dei kW da computare. Il bollo costa molto meno che sulle auto a motore termico, ma si calcola su tutti i kW del motore elettrico – o dei motori elettrici – in dotazione. Prima di procedere con l’elenco dei costi regione per regione, è bene precisare che le uniche due regioni dove il bollo sulle auto elettriche non si paga per sempre, per tutta la vita della vettura, sono Lombardia e Piemonte. In tutte le altre regioni il bollo è gratis per i primi cinque anni dall’immatricolazione, per poi essere ridotto al 25% del totale, di seguito quindi le cifre in euro/kW che subiranno tale riduzione, regione per regione: €3,12 in Abruzzo, Campania e Molise, €2,58 in Basilicata, Calabria, Emilia-Romagna, Friuli Venezia Giulia, Puglia, Sardegna, Sicilia, Umbria e Valle d’Aosta, €2,84 in Lazio, Liguria e Veneto, €2,79 nelle Marche e €2,71 in Toscana.

Quanto costa il superbollo per ibride ed elettriche

Il famigerato superbollo, la tassa che colpisce vetture potenti oltre i 185 kW, si paga anche sulle auto ibride ed elettriche. Per quanto riguarda il superbollo sulle auto ibride, esattamente come per il bollo delle stesse, si computano solo i kW del motore termico. Analogo discorso al bollo auto per il superbollo delle vetture 100% elettriche, ma con qualche variazione sul tema: il superbollo non lo si paga fino al sesto anno dall’immatricolazione, dopo tale periodo di tempo si inizia a pagare l’eccedenza sopra i 185 kW; il superbollo risulta però ridotto rispetto a quello delle auto a benzina, €12,00 per kW invece che €20,00. Ultima, necessaria precisazione: abbiamo già detto di come in Lombardia e Piemonte il bollo auto sulle full electric non si paghi per sempre, ma dal sesto anno di immatricolazione entra anche in queste due regioni in gioco il superbollo. Al di là delle considerazioni su un’importante addizionale come quella del superbollo, è evidente come quella appena prospettata sia una politica ambientalista e con un pizzico – una volta tanto nel nostro paese – di razionalità: per esempio, anche se 100% elettrica, una super sportiva Porsche Taycan Turbo S ha una potenza di circa 760 CV ed un pacco batterie da 93,4 kWh, non esattamente un veicolo super pulito da alimentare.

Altri articoli
La storia dell’Autobianchi A112 Abarth